Illustrazione Curare chi Cura

Prevenire il burnout: quando i medici sperimentano i benefici dell’addestramento mentale

[Update Aprile 2024]

Oggi più che mai, i medici si trovano ad affrontare condizioni di lavoro difficili che hanno un impatto negativo sul loro equilibrio psicofisico e sulla loro motivazione nel svolgere la professione. Per evitare di soccombere a queste difficoltà, è diventato essenziale imparare a rafforzare quelle competenze mentali che permettono di gestire meglio i comportamenti, i pensieri e le emozioni non costruttivi. Questa è la storia di un corso di formazione pilota sviluppato per l’ASL Toscana Centro.

Una situazione sociale e sanitaria difficile

In questo periodo, il termine “resilienza” ha iniziato a suscitare avversione tra le persone in difficoltà nella propria vita professionale. Lo sviluppo della resilienza è sempre più visto come un nuovo tentativo da parte delle organizzazioni di sottrarsi alle proprie responsabilità trasferendole sulla capacità di adattamento degli individui, in un momento in cui i cambiamenti nei sistemi e nelle culture di lavoro sono diventati essenziali per continuare ad amare la propria professione e svolgerla in condizioni accettabili.

Sviluppare la resilienza non significa accettare o sottomettersi a un contesto che disapproviamo.

Tuttavia, anche se questa reazione ha una sua legittimità, è più dannosa di quanto sembri, perché poter vivere meglio di fronte alle difficoltà non implica accettare o sottomettersi a ciò che si disapprova, al contrario. Che i contesti professionali evolvano o meno, sviluppando la propria resilienza, l’individuo si offre la capacità di essere meno colpito emotivamente, proteggendo così le proprie capacità professionali e la propria vita personale, mantenendo una mente più capace di prendere le decisioni giuste di fronte ai problemi da risolvere.

Un contagio emotivo globale e deleterio che porta a un deterioramento della qualità delle relazioni umane.

Gli anni della pandemia hanno esacerbato il pessimo servizio fornito al settore sanitario negli anni precedenti (tagli al budget, carenza di personale, burocrazia punitiva e un generale peggioramento delle condizioni di lavoro). Oggi il numero di pazienti giornalieri mette più che mai a dura prova la gestione del tempo, le relazioni umane e la capacità degli operatori sanitari di svolgere correttamente il proprio lavoro. A ciò si aggiunge una sorta di contagio emotivo deleterio e globale che sta portando a un evidente deterioramento della qualità delle relazioni umane, con una diffusa inciviltà nei comportamenti e nelle parole, che può arrivare fino all’aggressione fisica.

Viviamo in una società che alimenta sempre più il narcisismo ossessivo, il bisogno di gratificazione istantanea e la propensione a trovare colpevoli esterni quando le cose non vanno come vorremmo. Non ci assumiamo più la responsabilità delle nostre frustrazioni, la colpa è necessariamente degli altri.

Livelli elevati di stress e fatica hanno un forte impatto sull'attività professionale, sulla vita personale e sulla salute degli operatori.

Le professioni mediche e sanitarie, così come altre professioni chiave come gli insegnanti, hanno perso il rispetto sociale che gli spettava e si trovano oggi in competizione con la conoscenza di internet e dei social media, irrazionalmente considerata più affidabile e che illude le persone di poter diventare professionisti in tutto.

Sono tutti fattori oggettivi e gravi che stanno portando i medici a rifuggire dalla professione e dal servizio pubblico in misura difficilmente ignorabile. In questo contesto, brandire la resilienza per stigmatizzare solo le difficoltà individuali è certamente un approccio da non condividere. Tuttavia, la realtà sul campo è implacabile: gli alti livelli di stress e di fatica stanno avendo un forte impatto sull’attività professionale, sulla sfera personale e sulla salute degli operatori, causando, nei casi più estremi, il burnout, situazione particolarmente grave e inaccettabile.

Le competenze mentali che non possiamo più ignorare

Dietro i professionisti della sanità ci sono donne e uomini che hanno scelto di assumersi un impegno nobile e difficile, ma questo non significa essere invincibili, perché l’essere umano, pur intelligente e sensibile, deve sempre fare i conti con i propri limiti. Pertanto, coloro che si prendono cura degli altri, come tutti, hanno bisogno di imparare a padroneggiare e trasformare atteggiamenti mentali e comportamenti impulsivi poco costruttivi.

Imparare a identificare e gestire la sofferenza causata dai nostri pensieri e dalle nostre emozioni difficili in modo chiaro ed efficace.

È per questo motivo che è diventato indispensabile considerare i numerosi benefici che il personale sanitario può ottenere da una formazione mentale specifica che integri le qualità umane e le capacità di ciascuno.

A differenza di Chirone1Nella mitologia greca, Chirone è il più saggio dei Centauri. Figlio di Crono (sotto forma di cavallo) e dell’oceanina Fillira, è conosciuto soprattutto come maestro degli dei e dei giovani eroi (tra cui Achille). Padroneggiava l’arte della medicina, che introdusse ad Asclepio, e la conoscenza delle erbe. Ferito per errore da una freccia scagliata da Eracle, Chirone soffriva di un dolore intollerabile per questa ferita che non poteva essere guarita. Pur essendo immortale, chiese a Zeus la morte, che questi gli concesse dopo aver lasciato in eredità la sua immortalità a Prometeo. Zeus lo onorò ponendolo in cielo come costellazione del Centauro. che, nella mitologia greca, rinunciava alla propria immortalità per non soffrire più a causa di una ferita avvelenata, noi possiamo imparare a identificare e gestire la sofferenza causata dai nostri pensieri ed emozioni difficili, in modo lucido ed efficace, attraverso una formazione alla consapevolezza mentale basata su conoscenze e pratiche ampiamente convalidate e adattate ai moderni contesti professionali.

È giunto il momento di mettere in discussione il quadro culturale eroico che richiede a coloro che si occupano di curare gli altri una sorta di vocazione al martirio sociale, e di offrire loro l’opportunità di apprendere in modo strutturato come allenare la mente a coltivare e mantenere un buon livello di benessere, anche di fronte alla complessità e alle difficoltà della vita professionale.

Formazione specifica per i medici

È in questo contesto che l’Azienda USL Toscana Centro, su proposta e sotto la direzione scientifica della dottoressa Paola Squilloni, ha deciso di sperimentare questa possibilità chiedendoci di sviluppare un corso di formazione dal titolo “Prevenzione del burnout: focus su Mindfulness e gestione dello stress”, della durata di 18 ore distribuite su 6 settimane e rivolto ai medici di medicina generale.

Nonostante questo tipo di formazione sia ancora poco diffusa nel mondo medico italiano, la prova della reale necessità di questi strumenti è stata dimostrata dall’estrema rapidità con cui sono stati prenotati tutti i posti per questa prima edizione, che si è tenuta da maggio a giugno 2023.

Le competenze mentali ed emotive, pur essendo semplici da capire, non sono facili da acquisire perché non possono essere assimilate dalla semplice comprensione intellettuale.

Con il passare delle settimane, i partecipanti hanno potuto imparare gradualmente a stabilizzare l’attenzione e a coltivare la consapevolezza dei segnali provenienti dal proprio corpo, dai propri pensieri e dalle proprie emozioni, per poterli regolare meglio. Partendo dall’analisi delle distorsioni culturali e cognitive che influenzano il benessere soggettivo, il corso ha iniziato a porre le basi per identificare, ridurre o eliminare i comportamenti e gli atteggiamenti mentali tossici, coltivando e rafforzando quelli sani e costruttivi. Sono stati trattati anche i metodi per aumentare la consapevolezza delle risposte emotive e un’ampia gamma di strategie per affrontare lo stress e l’ansia. Le pratiche meditative condivise non solo aiutano a ridurre la ruminazione mentale e l’esaurimento empatico, ma rafforzano anche le risorse interiori sostituendo la tendenza al perfezionismo con la gentilezza verso sé stessi, la capacità di assaporare pienamente le esperienze positive e di riconnettersi con i propri valori e aspirazioni.

Tuttavia, le abilità mentali ed emotive oggetto del corso, per quanto semplici da capire, non sono facili da acquisire, perché non possono essere fatte proprie con la semplice comprensione intellettuale. Sebbene una base di conoscenze sia importante, la capacità di apprezzarne gli effetti più autentici passa necessariamente attraverso l’esperienza mentale e fisica personale. Per spiegare questa difficoltà, possiamo utilizzare l’analogia di chi ha assaggiato un piatto straordinario e vuole raccontarne l’esperienza. Anche se descritto con la prosa più raffinata, nessuno dei presenti può avvicinarsi a ciò che la persona che lo racconta ha provato. La stessa cosa vale per l’allenamento mentale: è impossibile apprezzarne i benefici senza l’impegno personale e la pratica di sessione in sessione.

100% delle persone soddisfatte e molto soddisfatte

Per noi è stato un corso particolarmente stimolante e divertente sotto molti punti di vista, che ha trasformato un certo grado di (sano) scetticismo iniziale dei partecipanti in un tasso di soddisfazione estremamente elevato (88,2% di persone molto soddisfatte e 11,8% di persone soddisfatte nel questionario di valutazione finale). Questo ci incoraggia a mantenere la motivazione, l’impegno e la ricchezza dei contenuti che abbiamo sviluppato e condiviso.

Tutte le persone che hanno partecipato alla formazione hanno cercato di capire e sperimentare qualcosa di nuovo con curiosità e apertura mentale. Con il passare delle settimane, abbiamo osservato maggiore serenità, più buonumore e un crescente interesse a conoscere, riflettere e sperimentare.

Le discussioni durante le sessioni sono state estremamente ricche e proficue, perché hanno permesso a tutti di capire che alcune difficoltà non sono solo personali e che nella varietà di contenuti offerti dalla formazione ognuno poteva trovare ciò di cui aveva bisogno.

Non c’è niente di più soddisfacente per noi che sapere che i nostri sforzi sono stati utili. La simpatia, i ringraziamenti e le testimonianze che abbiamo ricevuto hanno rafforzato la nostra fiducia nelle scelte fatte nella progettazione del corso e nello spirito con cui lo proponiamo.

Aggiornato a aprile 2024
Dopo la terza edizione, il tasso di soddisfazione complessivo è dell’100% (83,7% di partecipanti molto soddisfatti e del 16,3% di partecipanti soddisfatti). Inoltre, il 100% dei partecipanti ha dichiarato che la formazione ha avuto un impatto positivo sulla propria vita professionale e personale.

Abbiamo anche inviato un questionario 3 mesi dopo la fine della formazione. Il 90,5% dei partecipanti alle prime due edizioni ha dichiarato che la formazione ha ancora un impatto sulla loro vita quotidiana e il 66,7% continua a utilizzare il materiale fornito durante la formazione.

È in questo contesto che stiamo lanciando la quarta edizione e un corso di secondo livello.

La necessità di un approccio a lungo termine

Naturalmente, questo tipo di formazione è solo l’inizio. È un’apertura, un impulso da sostenere nel tempo per avere un senso e radicarsi nelle abitudini quotidiane. Poiché molti partecipanti hanno espresso questo bisogno, sarà un piacere elaborare una formazione di approfondimento e opportunità per sostenere la pratica individuale. Ciò renderà ancora più interessante la valutazione dell’impatto della formazione nel tempo.

Dopo questa prima esperienza, attendiamo con impazienza l’edizione di settembre.

Ringraziamo tutti i medici che hanno partecipato a questa formazione pilota per la loro disponibilità a sperimentare nuovi strumenti per rendere la propria vita professionale e personale più serena ed equilibrata.

Auguriamo a tutti voi un’ottima estate.

Valentina e Laurent

Immagine modificata. Credito immagine originale: Phillip Dvorak

Condividi questo articolo: